Avezzano

E’ una cittadina che ospita circa 42 000 abitanti nel cuore della Marsica. Questa è il centro sociale di tutto il territorio e vanta una storia di circa 2000 anni. una delle poche testimonianze storiche che sono rimaste nella cittadina è il Castello Orsini, dimora del conte Orsini in lotta contro la famiglia dei Colonna. Avezzano fu completamente distrutta dal terremoto del 13  Gennaio 1915 ed in seguito ricostruita.

Il terremoto causò la morte del 80% della popolazione. Adesso Avezzano è il centro sociale e culturale della Marsica ed offre numerosi locali di svago e divertimento. Vi sono numerose festività che ricorrono durante l’ anno.
Il 25 e 26 Aprile si festeggia il miracolo della Pietracquaria e i successivi focaracci.

via-corradini-avezzano

piazza-comune-avezzano-1960

Secondo la popolazione la Santa Madre apparse ad un sordomuto il quale per miracolo riuscì a sentirne le parole ed a riferirle alla popolazione. altre festività sono i mercatni natalizi nel mese di Dicembre e durante il mese di Maggio li fedeli usano percorrere la via crucis del monte Salviano a piedi nudi all’ alba e al tramonto. La principale piazza di Avezzano è detta piazza Risorgimento dove erge la cattedrale neorinascimentale di San Bartolomeo. Il corso avezzanese è rappresentato da Via Corradini, costeggiata da bar negozi dove la popolazione usa passeggiare e fare le “navate”.

Un centro di ritrovo importante per la popolazione avezzanese è la Pineta, che si trova nel quartiere del Concentramento. la Pineta è divisa in quatto parti e fu realizzata durante la Prima Guerra Mondiale dai prigionieri del concentramento per poteggere la cittadina dai forti venti invernali provenienti dal Monte Velino.

La Pineta è costituita in gran parte da piante sempreverdi e all’ interno è stato costruito un percorso sportivo di due chilometri. Avezzano dispone anche di una zona industriale che ospita sedi come quella della Micron e della Telespazio. Possiamo quindi dire che nel complesso è una tranquilla cittadina situata in Abruzzo.

La cittadina offre molti centri sportivi e numerose piscine private e pubbliche, inoltre nel quartiere del concentramento si trova una lunga pista ciclabile che può garantire il divertimento a ciclisti e rollers.

Nello stesso quartiere si trova una biblioteca con un fondo di 20.000 libri frequentata da giovani di tutte le età, dotata anche di giardini all’aperto dove gli studenti possono studiare senza essere disturbati.

Avezzano è il centro culturale della Marsica, in quanto ne è il capoluogo.

Si trovano infatti molti licei e scuole medie che ospitano bambini e ragazzi provenienti da tutta la marsica. I licei statali presenti sono ad indirizzo scientifico e classico mentre altre strutture sono destinate agli istituti tecnici come quello industriale, magistrale, artistico, geometra e ragioneria. La cittadina ospita anche la sede della facoltà di Giurisprudenza di Teramo e quella di Infermieristica dell’Aquila. Vi sono anche molte piazze e giardini, spesso affiancati da Chiese prestigiose.

La Cattedrale di S.Bartolomeo è la più importante, ma vi sono altre chiese frequentate come la Madonna del Passo o la Chiesa del Santo Spirito. Avezzano dispone anche di un prestigioso teatro, il Teatro dei Marsi, che ogni anno offre numerosi spettacoli di musica, danza e teatrali ed ha ospitato personaggi come Max Pezzali, Sabrina Ferilli, Fiorella Mannoia e tanti altri. la cittadina di Avezzano è sede di alcune televisioni locali, come Telesirio, Antenna2 e Atv7. uno spettacolo importante che ogni anno viene allestito è il Festival Di Avezzano, dove le voci di Avezzano si scontrano in un torneo per portarsi a casa il Microfono d’Oro premio “civiltà dei marsi”.Come centro culturale, Avezzano offre L’Aia dei Musei costituita dal museo Lapidario e quello del Fucino, inotre si può trovare la Pinacoteca di arte moderna e le varie mostre a tema pastorale.

piazza-risorgimento-avezzano-1960

avezzano-planimetria-1970-myavezzano

Per quanto riguarda la tradizione culinaria, Avezzano riprende le tradizioni del Fucino. Essendo la zona priva di imponenti fonti di acqua potabile, l’unico allevamento consentito è quello di ovini e caprini che sono la principale pietanza al centro della gastronomia Fucense. Ecco quindi che possiamo gustare i famosi “arrosticini” ,invidiati da tutta Italia, (pezzi di carne ovina infilati ordinatamente su un lungo spiedo e cotti al sangue con olio e sale) o la “pecora aj cottur”, sagnette e gnocchi di patate.

I dolci Avezzanesi sono le ferratelle farcite con miele e noci, o con cioccolata. I vini tipici del luogo sono il Montepulciano d’Abruzzo o il cosiddetto “mosto cotto”, ovvero vino bollito da consumare durante la stagione invernale.

Per quanto riguarda l’urbanistica avezzanese, la cittadina è stata ricostruita in seguito al terremoto del 1915 secondo le mode del tempo. Ecco quindi che si presenta in uno stile liberty. La città è divisa a scacchiera e le strade sono ordinate secondo le file di una scacchiera. Vi sono numerosi quartieri che dividono le varie zone avezzanesi: il centro o Cpodrata Melazzano, il concentramento, san Nicola, il quartiere di Via Napoli, Chuisa resta, Pucetta, i Frati, Cesolino, Borgo Pineta e barbazzano, la pulcina, San Rocco, il cupello, piazza cavour, s andrea e la zona industriale. Inoltre avezzano è divisa in frazioni come: S.Pelino, Paterno, Antrosano, castelnuovo, Cese dei Marsi, Pietracquaria, Borgo Incile e borgo pietra nuova.